lunedì 10 giugno 2019

[Recensione]: "Finalmente ti scrivo" di Carmen Llera Moravia



"All'ora del telegiornale rientravo e mi sdraiavo accanto a te nel grande letto. 
Mi accarezzavi
ero tua moglie e volevi darmi piacere
Mi commuoveva la tua capacità di amarmi com'ero
scomoda
profondamente scomoda
fino alla fine
ostinatamente".


Titolo: Finalmente ti scrivo
Autore: Carmen Llera Moravia
Casa editrice: Bompiani
Data di pubblicazione: 8 maggio 2019
Pagine: 81
Prezzo: € 10,00


Recensione


Carmen Llera in Moravia è una scrittrice spagnola naturalizzata italiana. È stata la seconda moglie di Moravia - dopo Elsa Morante e Dacia Maraini che fu sua compagna per diversi anni- dal 1986 al 1990, anno della morte di Alberto. I due si conobbero quando Carmen aveva solo 27 anni ed era una studentessa impegnata nella stesura della sua seconda tesi di laurea. Alberto e la Llera avevano 46 anni di differenza e ciò contribuì a etichettare la loro unione come uno "scandalo", e a far circolare l'immagine di Carmen quale approfittatrice che mirava solo a diventare vedova del celebre scrittore.
La donna non si curò mai di queste accuse, ma pensò a godersi il suo amore con Moravia, fatto di passione, angoscia e anche tante scappatelle che Alberto le perdonava sempre.

"Dopo quel 27 di settembre non sono mai più tornata al cimitero
niente pietre o fiori
nulla
non credo che tu sia lì o da qualche altra parte
Riprendo le tue lettere
troverò la forza di prenderle e di risponderti?"

In "Finalmente ti scrivo", davanti a centinaia di lettere che lo scrittore romano le aveva scritto quasi sempre lasciandogliele sotto la porta della sua camera da letto, la Llera prende il coraggio a quattro mani e decide di rispondergli aprendo il suo cuore e raccogliendo tutti i sentimenti contrastanti che prova e ha provato in modo da metterli nero su bianco.

Ne esce fuori un collage narrativo davvero interessante. Le parole di lei si mescolano alle citazioni delle lettere scritte da Alberto per sua moglie e così il lettore si trova immerso in questo amore non convenzionale, dove tutto ad un tratto sembra essere naufragato e l'attimo dopo è ancora lì, sempre più vivo e destinato a durare anche dopo la morte dello scrittore.


In queste poche pagine scritte dalla Llera troviamo il racconto della vita quotidiana vissuta con Alberto. Spesso lui usciva dopo le 11 e le faceva trovare un pacchetto sul tavolo all'ora di colazione con dei profumi sempre diversi. Era sempre molto affettuoso con lei, ma provava molta angoscia per gli anni che passavano e non tollerava la sua vecchiaia. Ripeteva spesso a Carmen che lei si sarebbe risposata dopo la sua morte, ma lei non lo fece o almeno non lo ha ancora fatto e non hai intenzione di farlo da quanto racconta in "Finalmente ti scrivo". La Llera dal canto suo, è sempre stata una donna inquieta, che con le sue continue fughe infliggeva continui dolori in Alberto che si struggeva di gelosia, voleva sempre averla vicino a lui e le perdonava qualsiasi cosa.

Alberto strinse anche un rapporto molto particolare con Hector, il figlio di Carmen. Quest'ultimo parlava un'altra lingua e non riusciva a relazionarsi con un uomo che poteva essere suo nonno, così lo scrittore iniziò a parlargli in inglese, perché entrambi lo conoscevano ma si trattava di un idioma che non apparteneva a nessuno dei due. Così Hector imparò a conoscere meglio quel vecchio signore e Moravia ebbe sempre per lui una considerazione sincera e umana, nonostante le difficoltà incontrate nello stringere un rapporto con quel bambino a lui estraneo.

E poi c'è Alberto che la spinge a diventare una scrittrice, Alberto che le ricordava continuamente il suo amore per lei, e sempre lui che dopo ogni litigio aspettava che lei si accoccolasse accanto a lui davanti al televisore per accarezzarla, darle piacere e fare la pace.

A rendere ancora più interessante "Finalmente ti scrivo" sono le lettere di Moravia a Carmen che aprono e chiudono questa breve opera. Le ho trovate cariche di sentimento, ma alla maniera moraviana. Lui doveva struggersi, soffrire, e solo in questo modo poteva raccontare l'amore che provava per l'altra. Così fece per Elsa e così continuò a fare per Carmen.

"Cara Carmen, tutto sarebbe semplice se io non ti amassi. Siccome ti amo e l'amore è già di per se stesso complicato, tutto è invece orribilmente complesso e angoscioso".



Concludo la mia recensione con questa lettera di Alberto a Carmen che è il manifesto del rapporto di questi due coniugi, che si sono amati nonostante la differenza d'età, di lingua e dei pensieri malevoli della gente. Leggendo quest'opera ognuna si farà la sua idea su questa coppia, ma quello che è certo è che le parole spese da Moravia per questa donna sono di una bellezza inaudita e spero davvero di poter convincere qualcuno di voi a leggerle.

A presto
la vostra Contessa.

1 commento: